Moscardini e calamaretti, vongole e gamberi, stretti nell’abbraccio dello spaghetto, serviti secondo il rituale che prevede un grande piatto da portata a cui attingere, con grande attenzione, per far sì che in ogni piatto di servizio tutti gli ingredienti siano in equilibrio fra loro. Molti di coloro che bazzicano Santa Margherita Ligure hanno già capito di quale piatto stiamo parlando: degli spaghetti al cartoccio, uno dei più caratteristici della ristorazione sammargheritese e, in particolare, dei locali vocati alla cucina mediterranea che da Piazza Vittorio Veneto si accavallano lungo la strada che conduce a Portofino, passando per la mitica “Piazza Martiri della Libertà” ( per i più giovani semplicemente “la Piazzetta” ) e la banchina Sant’Erasmo. Qui, ogni ristorante (uno su tutti? Da Gennaro!) custodisce una propria variante della ricetta.




Se il vostro desiderio è però quello di sperimentare voi stessi la preparazione del piatto, vi suggeriamo di procedere così: aprite le vongole a fuoco vivo in una padella, con un filo d’olio, aglio e un pizzico di peperoncino. Dopo averle ritirate, nella stessa padella versate pomodori, moscardini e calamaretti tagliati ad anelli. Salate e pepate, quindi cuocete per alcuni minuti e aggiungete le vongole e i gamberi sgusciati. Dopo aver lessato gli spaghetti, saltateli in padella col sugo e cospargeteli di prezzemolo e basilico. Quindi disponeteli su un foglio di alluminio e infornate a 180° per cinque minuti.




La cottura al cartoccio rappresenta lo sposalizio ideale tra il gusto corposo della cottura al forno e la sobrietà del vapore: il modo migliore per preservare al massimo grado sapori, profumi e nutrienti contenuti nelle pietanze. Buon appetito!

Ti è piaciuto questo articolo? Allora ti consigliamo:

 

Pilates: un corpo nuovo in tempi da record

Pilates: un corpo nuovo in tempi da record

“Ti sentirai meglio in 10 sedute, ti vedrai meglio in 20 sedute ed avrai un corpo nuovo in 30”. In a[...]
Orega, il lusso solidale

Orega, il lusso solidale

di Luisa Pace Florian Lapp, Adrien Lefebvre e Sébastien Bonneaud si sono incontrati nel 2016 nel [...]
Fotoclub, 32 anni di amicizia

Fotoclub, 32 anni di amicizia

Nato nel 1986 su iniziativa di un gruppo di amici, il Fotoclub Immagine Avis è da oltre 30 anni un p[...]
La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

Secondo molti è il ristorante più panoramico di Santa Margherita. E come dar loro torto? La banc[...]
La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

E' noto, Santa Margherita viene apprezzata soprattutto per essere tutt'uno con un mare che lambi[...]
Soggetti...Da Libro

Soggetti...Da Libro

Ci sono Enzo Paci e Andrea Carlini, Enrique Balbontin e Maurizio Lastrico, Alessandro “Lesc” Bianchi[...]
All Sport, occasioni da non perdere

All Sport, occasioni da non perdere

A Santa Margherita l' abbigliamento sportivo ha un nuovo punto di riferimento. Si trova in Viale And[...]
Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Dopo una perfetta vacanza a Santa Margherita Ligure, trascorsa fra stabilimenti balneari di grido co[...]
Cappon Magro, una specialità firmata Beppe Achilli

Cappon Magro, una specialità firmata Beppe Achilli

Il suo nome - Cappon Magro - viene accompagnato sempre da un'aura di reverenza, almeno da parte di c[...]
Caboto, a scuola di caffè

Caboto, a scuola di caffè

Vi siete mai chiesti cosa fa la differenza fra un buon caffè e un pessimo caffè? La miscela, la tost[...]
I cubelletti, rapallesi...De.Co.

I cubelletti, rapallesi...De.Co.

Rapallo ha avuto il grande merito di introdurre nel Tigullio le De.Co. , le denominazioni comuna[...]
Ca' Salina, vini e spumanti da medaglia d'oro

Ca' Salina, vini e spumanti da medaglia d'oro

Sono sempre più numerosi i ristoranti della Riviera dotati di abbattitore per il pesce, accorgimento[...]