di Francesca Laganà

A Santa Margherita Ligure la lavorazione del pizzo al tombolo ebbe inizio, è proprio il caso di dirlo, ai tempi di quando Berta filava… O meglio: da quando le mani ingegnose delle madri, delle mogli e delle figlie dei nostri trisavoli, mediante un meraviglioso intreccio di fuselli, fili e spilli, seguendo un disegno predisposto da una “cartina” fissata su “tombolo” di paglia, cominciarono a creare vere e proprie trame al macramè, ai pizzi, alle trine, ai merletti.




Di quest’arte ligure che richiama il tema del mare parlava persino Strabone, storico e scienziato greco vissuto a cavallo della nascita di Cristo. Lo storico sammargheritese Attilio Regolo Scarsella, autore dei monumentali “Annali” della Città, fornisce notizie certe sin dal 1242. Nel Seicento furono costituite le prime società con lo scopo non solo di vendere i pizzi nel Genovesato, ma di esportarli anche in altre regioni italiane ed europee. Ancora ai primi dell’Ottocento Santa Margherita arrivava ad impiegare oltre 2.380 operaie (su seimila abitanti del Borgo) e, in un documento del 1828, si legge che “alla manifattura dei merletti lavorano indistintamente tutte le donne senza eccezione, dalla loro infanzia sino alla morte”.

Poi, come sempre accade, l’arte del pizzo ha alternato momenti di rifioritura e momenti di decadimento, resistendo però alla sfida del tempo. Oggi assistiamo ad un revival dell’attività (pur intesa come hobby) grazie ad alcune associazioni, cui va il merito di tramandare questa antica arte un po’ come si faceva, nei secoli scorsi, di madre in figlia. Una sfida che continua. Nel tempo.

Ti è piaciuto questo articolo? Prosegui la lettura:

Pilates: un corpo nuovo in tempi da record

Pilates: un corpo nuovo in tempi da record

“Ti sentirai meglio in 10 sedute, ti vedrai meglio in 20 sedute ed avrai un corpo nuovo in 30”. In a[...]
Orega, il lusso solidale

Orega, il lusso solidale

di Luisa Pace Florian Lapp, Adrien Lefebvre e Sébastien Bonneaud si sono incontrati nel 2016 nel [...]
Fotoclub, 32 anni di amicizia

Fotoclub, 32 anni di amicizia

Nato nel 1986 su iniziativa di un gruppo di amici, il Fotoclub Immagine Avis è da oltre 30 anni un p[...]
La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

Secondo molti è il ristorante più panoramico di Santa Margherita. E come dar loro torto? La banc[...]
La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

E' noto, Santa Margherita viene apprezzata soprattutto per essere tutt'uno con un mare che lambi[...]
Soggetti...Da Libro

Soggetti...Da Libro

Ci sono Enzo Paci e Andrea Carlini, Enrique Balbontin e Maurizio Lastrico, Alessandro “Lesc” Bianchi[...]
All Sport, occasioni da non perdere

All Sport, occasioni da non perdere

A Santa Margherita l' abbigliamento sportivo ha un nuovo punto di riferimento. Si trova in Viale And[...]
Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Dopo una perfetta vacanza a Santa Margherita Ligure, trascorsa fra stabilimenti balneari di grido co[...]
Cappon Magro, una specialità firmata Beppe Achilli

Cappon Magro, una specialità firmata Beppe Achilli

Il suo nome - Cappon Magro - viene accompagnato sempre da un'aura di reverenza, almeno da parte di c[...]
Caboto, a scuola di caffè

Caboto, a scuola di caffè

Vi siete mai chiesti cosa fa la differenza fra un buon caffè e un pessimo caffè? La miscela, la tost[...]
I cubelletti, rapallesi...De.Co.

I cubelletti, rapallesi...De.Co.

Rapallo ha avuto il grande merito di introdurre nel Tigullio le De.Co. , le denominazioni comuna[...]
Ca' Salina, vini e spumanti da medaglia d'oro

Ca' Salina, vini e spumanti da medaglia d'oro

Sono sempre più numerosi i ristoranti della Riviera dotati di abbattitore per il pesce, accorgimento[...]