E’ una storia orgogliosamente genovese, quella delle facciate dipinte. Una storia che inizia nella seconda metà del secolo XV, quando la ricca aristocrazia mercantile dà inizio alla trasformazione del centro storico medioevale. La politica delle alleanze matrimoniali fra le grandi famiglie incide allora sugli edifici dando vita ad accorpamenti, redistribuzioni degli spazi e chiusure di zone porticate.




Se nasce, in questo contesto, la necessità di interventi pittorici che restituiscano decoro a poco aggraziati prospetti a parallelepipedo, sarà un secondo fattore a influenzare, ancora più marcatamente, la diffusione delle facciate dipinte: l’avvento alla guida della Repubblica di Genova di Andrea Doria, che attraverso una lungimirante politica di alleanza con la Spagna garantirà alla Superba indipendenza politica, ricchi commerci e attività creditizie.




Onorato come un Padre della Patria, Andrea si farà costruire una splendida reggia nei pressi dell’odierna stazione di Genova Principe, Palazzo Doria Pamphili, commissionandone l’apparato decorativo prima a Perin del Vaga, poi al Pordenone e al Beccafumi. Si tratta di affreschi esterni ed interni, a tema mitologico e allegorico, in puro linguaggio manierista, che susciteranno l’emulazione dell’aristocrazia genovese, innescando una vera e propria competizione per il Palazzo, la Chiesa o la villa più belli.

Ha origine qui una storia e una tradizione che si diffonderanno anche in provincia, in particolare nei luoghi dove le grandi famiglie genovesi, come i Durazzo e i Centurione, usano soggiornare nei mesi estivi. Il riferimento è a Santa Margherita Ligure, dove le facciate dipinte sono da anni oggetto di un attento recupero, favorito anche dalla nascita – in Liguria – di vere e proprie scuole dedicate a questa prestigiosa forma di artigianato artistico. Trasformando la bidimensionalità in un gioco virtuosistico di ornamenti e figure a tre dimensioni, queste decorazioni rappresentano ancora oggi una delle principali attrazioni per il turista più sensibile al gusto e alla bellezza.

La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

Secondo molti è il ristorante più panoramico di Santa Margherita. E come dar loro torto? La banc[...]
La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

E' noto, Santa Margherita viene apprezzata soprattutto per essere tutt'uno con un mare che lambi[...]
Soggetti...Da Libro

Soggetti...Da Libro

Ci sono Enzo Paci e Andrea Carlini, Enrique Balbontin e Maurizio Lastrico, Alessandro “Lesc” Bianchi[...]
All Sport, occasioni da non perdere

All Sport, occasioni da non perdere

A Santa Margherita l' abbigliamento sportivo ha un nuovo punto di riferimento. Si trova in Viale And[...]
Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Dopo una perfetta vacanza a Santa Margherita Ligure, trascorsa fra stabilimenti balneari di grido co[...]