Dal 31 maggio al 3 giugno Chiavari si vestirà da città dell’antica Grecia trasformando le sue piazze in vere e proprie “agorà”. Proprio a cavallo della Festa della Repubblica, infatti, il capoluogo del Tigullio si accinge a ospitare il Festival della Parola, giunto alla quinta edizione. Paolo Mieli, Vladimir Luxuria, Fausto Bertinotti, Simone Cristicchi e Neri Marcorè sono gli “ospiti speciali”, protagonisti di veri e propri eventi monografici bagnati dal grande pubblico.

Le novità di spessore interessano soprattutto le sedi. Due in particolare meritano una sottolineatura: “Il giardino della parola”, ovvero lo splendido giardino botanico di palazzo Rocca che diventerà un suggestivo teatro naturale di una serie di eventi più intimi e raccolti, e la tensostruttura da circa 600 posti collocata in piazza dell’Orto, nell’area antistante la Cattedrale: una grande struttura trasparente, dotata di maxi ledwall, una casa di cristallo della parola, anzi un’agorà aperta a tutti, dove si svolgeranno gli appuntamenti di maggior richiamo.

I personaggi a cui verranno dedicati focus esclusivi saranno Giorgio Gaber, Michelangelo Antonioni ed Elena Bono. Di tutti e tre verranno evidenziati quegli speciali legami con Chiavari e il Tigullio poco noti o addirittura inediti. Ampia attenzione sarà riservata a un’importante ricorrenza, i 50 anni dal 1968, spunto prezioso anche in vista della partnership con scuole di ogni ordine e grado: già l’anno scorso gli istituti cittadini erano stati protagonisti di un progetto che aveva visto decine di studenti diventare giornalisti e blogger per la durata dell’evento.

“Il Festival della Parola – conclude la produzione firmata dall’Associazione le Muse Novae – si conferma una manifestazione di spicco e con grandi potenzialità, nella quale anche la nuova amministrazione di Chiavari ha dimostrato di credere, decidendo di dare continuità e potenziando un format, che potrà sempre più veicolare il nome di Chiavari in contesti di alto profilo culturale e turistico”.

Il programma del Festival in PDF

Forte come una roccia. La storia di un pino diventato simbolo di una comunità

Forte come una roccia. La storia di un pino diventato simbolo di una comunità

“La mareggiata del 29 ottobre lo ha lasciato quasi intatto. Il resto intorno era solo distruzione. L[...]
L'anima di Santa Margherita

L'anima di Santa Margherita

Una brochure, un progetto dagli echi suggestivi ma soprattutto un censimento che permette di portare[...]
Pilates: un corpo nuovo in tempi da record

Pilates: un corpo nuovo in tempi da record

“Ti sentirai meglio in 10 sedute, ti vedrai meglio in 20 sedute ed avrai un corpo nuovo in 30”. In a[...]
Orega, il lusso solidale

Orega, il lusso solidale

di Luisa Pace Florian Lapp, Adrien Lefebvre e Sébastien Bonneaud si sono incontrati nel 2016 nel [...]
Fotoclub, 32 anni di amicizia

Fotoclub, 32 anni di amicizia

Nato nel 1986 su iniziativa di un gruppo di amici, il Fotoclub Immagine Avis è da oltre 30 anni un p[...]
La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

La Cambusa, dove bellezza e bontà...Vanno a braccetto

Secondo molti è il ristorante più panoramico di Santa Margherita. E come dar loro torto? La banc[...]
La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

La Madia, simbolo di una “Santa” da scoprire

E' noto, Santa Margherita viene apprezzata soprattutto per essere tutt'uno con un mare che lambi[...]
Soggetti...Da Libro

Soggetti...Da Libro

Ci sono Enzo Paci e Andrea Carlini, Enrique Balbontin e Maurizio Lastrico, Alessandro “Lesc” Bianchi[...]
All Sport, occasioni da non perdere

All Sport, occasioni da non perdere

A Santa Margherita l' abbigliamento sportivo ha un nuovo punto di riferimento. Si trova in Viale And[...]
Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Da Santa Margherita a Courmayeur: benvenuti allo Shatush

Dopo una perfetta vacanza a Santa Margherita Ligure, trascorsa fra stabilimenti balneari di grido co[...]
Cappon Magro, una specialità firmata Beppe Achilli

Cappon Magro, una specialità firmata Beppe Achilli

Il suo nome - Cappon Magro - viene accompagnato sempre da un'aura di reverenza, almeno da parte di c[...]
Caboto, a scuola di caffè

Caboto, a scuola di caffè

Vi siete mai chiesti cosa fa la differenza fra un buon caffè e un pessimo caffè? La miscela, la tost[...]