Ha 20 anni, è diplomata al Liceo Artistico Luzzati di Chiavari ed è una delle più giovani “promesse” della decorazione su muro.




Lei si chiama Giulia Contini ed è figlia d’arte. Sì, perché suo papà Rocco, da alcuni decenni, è uno degli artigiani più apprezzati sul campo; ora, oltre a restituire vita e bellezza alle facciate dipinte del genovesato, si occupa anche di far crescere professionalmente Giulia, formandola personalmente.

“Diventare una decoratrice è quello che sognavo fin da piccola ammirando mio papà sui ponteggi”, dice Giulia. Che di fronte a sé aveva altre strade, in ambito artistico, ma che ha scelto quella che dietro la ricchezza di prospettive future (intuibile dalla curiosità che le facciate dipinte suscitano fra i tanti turisti stranieri) è anche è la più faticosa. “In questo ramo si lavora all’aria aperta, al caldo o al freddo. Ma tutto si sopporta”. Per tradizione. E per passione.




Da Genova agli Stati Uniti passando per... La musica

Da Genova agli Stati Uniti passando per... La musica

Dal giovanile pellegrinaggio lungo le mitiche “blue highways” della profonda America cantate da Wood[...]
Il pittore dell'occhiopiuma: Vittorio Massimo Agus

Il pittore dell'occhiopiuma: Vittorio Massimo Agus

Di lui, la critica Giannina Scorza ha scritto: “Inscena nello spazio dei suo quadri l'eterno spettac[...]
Il top del made in Italy: benvenuti a La Gerla

Il top del made in Italy: benvenuti a La Gerla

Secondo alcuni è il miglior cioccolato del mondo. Di chi parliamo? Di Domori, naturalmente, l'aziend[...]
Villa Durazzo, il settore wedding spicca il volo

Villa Durazzo, il settore wedding spicca il volo

Villa Durazzo cresce. Non sul piano delle volumetrie, ovviamente, ma nel giro d'affari e nei numeri [...]
Un tocco femminile per un “baretto” tutto da scoprire

Un tocco femminile per un “baretto” tutto da scoprire

Le cose belle, si sa, sono sempre un po' nascoste e vanno scovate. Come questo bar del centro st[...]