admin

Che cosa serve per organizzare un matrimonio da favola? Semplice, almeno a dirsi: “Una buona idea e tanta, tanta creatività”. Parola di Simona Rossi, una mamma sammargheritese che insieme a una grande amica genovese, Chiara Bruzzo, ha intrapreso quello che per molti è un vero e proprio lavoro da sogno: la wedding planner.




Buone idee e creatività, quindi. Ma se creativi si nasce, proprio come Simona che ha scoperto questa strada iniziando per gioco a dipingere a mano le partecipazioni o a ideare bomboniere personalizzate, per avere l’idea giusta bisogna usare un po’ di psicologia: “Il matrimonio perfetto gioca sempre su un tema che parla della coppia, della loro complicità, dei loro momenti magici e dei luoghi che ne sono stati teatro”. Un tema può quindi essere un Paese, una città. Oppure, più semplicemente, il mare.

Solo una volta sciolto questo nodo, la macchina dei contatti si mette in moto: catering, musica, location, tutto deve incastrarsi sia con il budget indicato che con i desideri degli sposi. “Ancor meglio – conclude Simona – Deve incastrarsi col loro estro creativo inespresso. La sfida è entrare nel loro cuore e capire davvero che forme, che colori, che suoni e che profumi deve avere il giorno più bello della loro vita”.





Fra tutte le varianti della focaccia, quella alle cipolle è sicuramente la più famosa e quella che non manca mai in nessun panificio.

Ed è anche la variante più golosa e più amata, quella che proviene dalla notte dei tempi ed evoca il Porto di Genova coi suoi “camalli”, che avevano grande dimestichezza con quello che oggi viene generalmente chiamato street food.

Si tratti di farinata o, appunto, di focaccia. Magari proprio con le cipolle, che bloccano i recettori della fame, sono un alimento economico e altamente disponibile.




Resta aperta solo una questione: universalmente apprezzata come merenda o aperitivo, accompagnata rigorosamente da vino bianco – vermentino o pigato – la focaccia alle cipolle ben si adatta a una colazione a base di…Cappuccino o caffellatte? Impossibile deciderlo. E’ una risposta che ognuno ha dentro di sé. Il consiglio? Provatela!




Lacoste, Green Coast e Moorer, coi suoi eleganti capispalla. Benvenuti nel regno dell’uomo classico, che non teme di passare mai di moda. L’uomo che sa di avere in questa prestigiosa Boutique del centro di Santa Margherita, Mortola, un punto di riferimento ormai decennale.




Creato nel 1950, questo piccolo tributo all’evergreen è anche un prestigioso scrigno di accessori da cerimonia, fra cui cravatte e papillon, e di scarpe fatte a mano come rinomatissime “Santoni”, vanto del Made in Italy.




Mortola Srl
Via Partigiani D’Italia 26 – Santa Margherita ligure (GE)
Tel: 0185 286044
www.mortola1905.com

nuova garaventaOggi si chiama Nuova Garaventa, è gestita da Alberto Cassola ma è la diretta continuazione della Ditta Fratelli Garaventa, da sempre sinonimo di qualità quando si parla di frutta, verdura, legumi, prodotti freschi ma anche oli e vini.




Merito di un’invidiabile reti di fornitori, che ha permesso di creare nel tempo, nei locali di Via Somalia, un vasto magazzino di prodotti particolarmente ricercati, disponibili sia all’ingrosso che al dettaglio. Un’opportunità anche per i numerosi yachts attraccati a Rapallo, Santa Margherita o a Portofino.




Alberghi, ristoranti, comunità e strutture pubbliche e private possono trovare in Nuova Garaventa un punto di riferimento capace di praticare prezzi davvero concorrenziali.

Nuova Garaventa S.R.L
Via Somalia 19 -Santa Margherita Ligure (GE)
Tel: 0185 288919

Il 2017 ha portato in dono una gradita e apprezzata novità nel panorama musicale del Tigullio. Parliamo dell’ultimo CD di Corrado Barchi. 57 anni, nativo di Santa Margherita Ligure, Barchi ha alle spalle trent’anni di attività musicale che lo hanno visto: interprete, polistrumentista, compositore, produttore artistico, autore di testi ed arrangiatore.




L’ultimo CD, “Progressivamente POP”, vuole essere un tributo al progressive, rivisitato in pezzi di durata più breve ma ad elevata intensità emozionale.




L’album è acquistabile online su Amazon.it e sui principali marketplace musicali.

Ti consigliamo anche:

 

Panettoni, pandolcini, le tradizionalissime Margheritine, avanguardia di una vasta gamma di pasticceria secca. E ancora: paste, bigné, gobelletti, budini di riso, St. Moritz. Serviti in un ambiente accogliente, luminoso, caldo, ideale per rilassanti e golose merende invernali.




Alzi la mano chi non aveva già capito che ci stavamo riferendo ad Arte Dolce, il bar pasticceria di Via Cairoli gestito da Sabina e Luca Vasconi, (recentemente insignito del Cavalierato della Buona cucina di Auguste Escoffier nel corso di una cerimonia svoltasi al Grand Hotel Excelsior di Rapallo).

Fra le proposte di quest’inverno, impossibile non menzionare il “Monte Bianco”, dessert elvetico a base di castagne che ben si sposa alla Riviera, dove le castagne sono da sempre alla base di pasta fresca, pane e dolci. Panna, meringa, un poco di zucchero e di rhum completano questa creazione di grande semplicità ma anche di grande impatto. Una vera leccornia disponibile al cucchiaio o in comode monoporzioni.




Pasticceria Arte Dolce
Via Cairoli 1B – Santa Margherita Ligure (GE)
Tel: 0185 169 0742
www.arte-dolce.eu

Storica boutique di Santa Margherita Ligure, situata nel quartiere di Ghiaia, Olivari veste l’uomo classico con marchi come Geox, Bramante e Romeo Gigli Sport, brand portatori di una visione senza tempo della moda e di alcune piacevoli influenze cosmopolite in linea con lo spirito del nuovo millennio.




Alla ricerca dell’eleganza, Olivari associa proposte più sportive ma sempre improntate al perseguimento del carattere e della personalità. Tutta la pelletteria è italiana e di elevata fattura artigianale.




Olivari
Via Gramsci 63 – Santa Margherita Ligure (GE)
Tel: 0185 286801

Dal giovanile pellegrinaggio lungo le mitiche “blue highways” della profonda America cantate da Woody Guthrie, quel giovane chitarrista genovese sulle tracce della “Roots Music” americana ne ha macinata, di strada. Virtuoso dello stile acustico, autore di undici dischi, libri e video didattici, un DVD “live”, Beppe Gambetta è oggi considerato dagli stessi maestri americani un loro pari, degno continuatore di una tradizione musicale sempre viva e rinnovantesi.




In un mondo dominato dalle logiche del mercato, Gambetta propone ancora la sua musica, intimamente sentita e vissuta, refrattaria a quelle ostentazioni virtuosistiche fini a se stesse. L’America nel cuore, le radici tra il sole e gli ulivi del Mediterraneo, Gambetta riesce a saldare le sponde dei due continenti, creando una “koiné” musicale in cui “roots music” e tradizione ligure, canti dell’emigrazione e ballate popolari, moderne chitarre acustiche e antiche chitarre-arpa vanno ad interagire.

Musica popolare in cammino, capace di parlare al nostro presente perché radicata nella storia di generazioni di uomini e donne così diversi e così uguali a noi. Musica girovaga, insofferente di frontiere e passaporti, esclusioni e ossessioni. Musica vitale, appassionata, sobria. Che ci fa un cenno. Seguiamola.

Nato a Genova nel 1955…




…Beppe Gambetta si auto-definisce un chitarrista acustico. Ha suonato in prestigiosi festival negli Stati Uniti e in Canada come il Walnut Valley Festival a Winfield Kansas, Merlefest in Carolina del Nord, il Kerrville Folk Festival in Texas e quelli a Winnipeg e Edmonton. Annualmente, con l’aiuto della moglie, Federica Calvino Prina, organizza nella “sua” Genova una rassegna di musica acustica, la “acoustic night”, giunta nel 2017 alla 17° edizione. In quest’occasione Gambetta suona assieme ad affermati musicisti conosciuti nel suo peregrinare per il mondo della musica acustica. Molto spesso, per questi musicisti, pur molto famosi in America, l’Acoustic Night rappresenta il battesimo col pubblico italiano.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora ti consigliamo: 

Di lui, la critica Giannina Scorza ha scritto: “Inscena nello spazio dei suo quadri l’eterno spettacolo della vicissitudine umana. Il conflitto, la dimensione spesso irrequieta, stressante, insoddisfatta dell’individuo nella società contemporanea; le molteplici sfaccettature emozionali dei sentimenti”.




Nato in Sardegna 63 anni fa, Vittorio Massimo Agus può dirsi ormai a tutti gli effetti un artista ligure e, in particolare, sammargheritese. Un’artista che nel corso della sua pluridecennale esperienza ha contaminato futurismo, cubismo, surrealismo ed espressionismo in un continuo gioco di stilizzazioni ed effusioni cromatiche; un gioco che è, anche, una costante ricerca di un punto di vista inespresso: quello gettato dall’occhiopiuma rosso, tratto caratteristico delle sue figure di cui Agus fa un uso sintomatico. Per esaltare l’importanza dello sguardo, della fessura che crea un ponte fra sé e il mondo, fra l’anima e le cose. Fra l’artista e la tela.




Più informazioni su:

https://www.facebook.com/vittorio.m.agus

Secondo alcuni è il miglior cioccolato del mondo. Di chi parliamo? Di Domori, naturalmente, l’azienda del gruppo Illy prima al mondo a produrre esclusivamente da cacao fine come il Criollo. E proprio Domori è oggi è una delle punte di diamante de La Gerla, magnifico carillon incastonato in Via dell’Arco, un “piccolo mondo” dedicato al bello al buono.




Al design per la casa, ai prodotti locali, alle idee regalo e a vere e proprie eccellenze come Domori, sì, ma anche come la celeberrima Grappa Mazzetti d’Altavilla e molte altre “gemme” da scoprire addestrandosi fra gli interni di questo ricercato ed elegante shop.

La Gerla
Via dell’Arco 11 – Santa Margherita Ligure (GE)
Tel: 349 2823763
www.facebook.com/lagerlaabetone